10 luglio – Jens Stoltenberg

«L’Europa e il Nord America sono uniti nella loro condanna delle azioni russe e nell’appoggio continuo alle sanzioni economiche. La Russia deve ritirare le proprie forze e i propri mezzi militari dal territorio sovrano dell’Ucraina»

7 luglio – Elayne Whyte Gómez

«Sono decenni che il mondo conosce la potenza distruttiva delle armi nucleari e da allora si è chiesto di proibire le armi nucleari. Questa è la decisa dichiarazione della comunità internazionale che vuole giungere a un paradigma di sicurezza totalmente diverso, che non includa le armi nucleari»

6 luglio – Donald Trump

«La difesa dell’Occidente si fonda non solo sui mezzi di cui dispone, ma anche sulla volontà della sua gente di avere la meglio. La domanda fondamentale del nostro tempo è se l’Occidente abbia la volontà di sopravvivere o meno»

3 luglio – Emmanuel Macron

«Troppi dei miei predecessori sono stati criticati per un difetto di pedagogia, per non aver mostrato il senso e l’obiettivo dei nostri mandati. Si sono prese troppe iniziative mentre il Parlamento non era informato; perciò io non voglio continuare con questo metodo»

1 luglio – James Martin

«Questo fatto dà al papa la possibilità di collocare, finalmente, il suo uomo di fiducia in una posizione di rilievo. Per molti sostenitori di Benedetto XVI, il cardinale Müller era l’ultimo collegamento con la sua gestione»