6 novembre – Carles Puigdemont

Posted by
Carles Puigdemont arrives for a news conference in Brussels
foto via News.sky.com

«Lo stato spagnolo deve onorare ciò che è stato detto tante volte negli anni del terrorismo: “fermate la violenza e possiamo discutere di qualsiasi cosa”»

L’ex presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, ha accusato le autorità spagnole di stare conducendo «un brutale attacco giudiziario» contro i membri del suo ex governo, ora esautorato, e ha affermato di temere che essi non ricevano un giudizio imparziale da parte dei tribunali spagnoli. In un articolo pubblicato sul quotidiano britannico The Guardian, Puigdemont ha definito «un oltraggio colossale» che lui e altri 13 colleghi siano indagati con le accuse, tra le altre, di eversione e ribellione, con riferimento ai loro ruoli nella dichiarazione di indipendenza del mese scorso.

«Oggi i leader di questo progetto democratico sono accusati di ribellione e devono affrontare la pena più severa prevista dal Codice penale spagnolo, che è la stessa per i casi di terrorismo e di omicidio: 30 anni di prigione» si legge nell’articolo. Puigdemont ha scritto di dubitare che le persone coinvolte nell’indagine possano ricevere «un’udienza giusta e imparziale» e ha richiesto «un controllo dall’estero» per portare la crisi catalana a un esito politico, anziché giudiziario.

«Lo stato spagnolo deve onorare ciò che è stato detto tante volte negli anni del terrorismo: “fermate la violenza e possiamo discutere di qualsiasi cosa”» ha aggiunto Puigdemont. «Noi, i sostenitori dell’indipendenza catalana, non abbiamo mai scelto la violenza, anzi. Ma ora scopriamo che non è vero che tutto possa essere argomento di discussione».

La scorsa settimana l’ex presidente catalano è volato a Bruxelles con alcuni suoi colleghi di governo, poche ore prima che la procura nazionale spagnola annunciasse di volerli accusare di ribellione, sedizione e malversazione. Giovedì scorso, un giudice dell’Audiencia Nacional ha ordinato l’arresto di otto politici catalani e, il giorno dopo, ha spiccato un mandato europeo di arresto nei confronti di Puigdemont e di suoi quattro ex ministri. Domenica, infine, un giudice belga ha concesso ai cinque la libertà condizionata: essi dovranno apparire il 17 novembre in tribunale, dove il giudice deciderà se rendere esecutivo il mandato d’arresto.

One comment

Rispondi