26 ottobre – Carles Puigdemont

Posted by
carles
foto via Repubblica.it (Reuters)

«Non abbiamo ricevuto garanzie sufficienti a giustificare nuove elezioni. Abbiamo cercato di ottenerle, ma non abbiamo ricevuto una risposta responsabile dal Partito Popolare: hanno scelto di aumentare la tensione»

Il presidente della Catalogna, Carles Puigdemont, ha escluso la possibilità che si tengano nell’immediato elezioni anticipate per il parlamento catalano, spiegando di non volere indire nuove votazioni senza avere la garanzia che il governo spagnolo sospenda la minaccia del controllo diretto sulla regione per mezzo dell’articolo 155 della Costituzione.

Nei giorni scorsi era stato ipotizzato che Puigdemont, come gesto di distensione verso il governo di Madrid, avrebbe indetto delle votazioni per eleggere un nuovo parlamento della Catalogna, in cambio della dimostrazione di una simile volontà di scendere a patti da parte del Partito Popolare (PP), il partito del primo ministro Mariano Rajoy.

Giovedì Puigdemont ha annunciato invece che lascerà questa decisione al Parlamento catalano.

Durante un discorso pronunciato al palazzo del governo di Barcellona, il presidente della Catalogna ha affermato: «Non abbiamo ricevuto garanzie sufficienti a giustificare nuove elezioni. Abbiamo cercato di ottenerle, ma non abbiamo ricevuto una risposta responsabile dal Partito Popolare: hanno scelto di aumentare la tensione. Io ho esaurito le opzioni a mia disposizione».

Puigdemont ha detto inoltre che, sebbene la società catalana abbia fatto del proprio meglio per mantenere la calma di fronte alle minacce del governo spagnolo, non consentirà l’attuazione del governo diretto sulla regione da parte di Madrid per mezzo dell’articolo 155 della Costituzione. «Le misure previste dall’articolo 155 sono illegali e ingiuste e non sono disposto ad accettarle» ha affermato. «Nessuno può accusarmi di non essere disposto a fare sacrifici».

Rispondi