21 ottobre – Evo Morales Ayma

Posted by
636373129177833666_0
foto via Pagina12.com.ar

«Siamo addolorati per la morte di Santiago Maldonado, le nostre condoglianze alla famiglia e al popolo argentino. Si faccia chiarezza su questo codardo e deprecabile assassinio»

Evo Morales, il presidente della Bolivia, ha voluto twittare un messaggio rivolto «al popolo argentino» a seguito del rinvenimento del corpo di Santiago Maldonado. Si tratta dell’attivista argentino scomparso il 31 luglio nella provincia di Chubut, nel sud dell’Argentina, dove partecipava a una manifestazione dei Mapuche contro l’esproprio della loro terra, manifestazione repressa irregolarmente dalla Gendarmeria, un corpo di sicurezza di carattere militare.

Il caso, su cui è intervenuta anche l’ONU, ha suscitato grande scalpore in Argentina. La famiglia Maldonado e una consistente parte dell’opinione pubblica ritiene colpevole il governo, che ha intralciato la giustizia. L’Human Right Watch e altre associazioni, come Amnesty International, hanno evidenziato la scarsa trasparenza delle forze dell’ordine del governo. L’autopsia, pur escludendo che sia stata una collutazione la causa della morte, non è ancora in grado di stabilire come sia stato ucciso Maldonado. Invece, pare certa la presenza della Gendarmeria nella circostanza, dato che il luogo di ritrovamento del corpo (tra l’altro, un fiume piuttosto freddo, che ne ha prevenuto la decomposizione) è a poche centinaia di metri da dove è avvenuta la repressione.

In Argentina, il caso Maldonado ha accompagnato gli ultimi due mesi di campagna elettorale, che si chiude domani con il voto. “Due sconcertanti misteri incombono” sull’elezioni, scrive il New York Times. Uno è, appunto, la scomparsa dell’attivista: Macri ha una posizione piuttosto ambigua in merito ai diritti umani e, soprattutto, alla questione dei desaparecidos, a cui viene il caso Maldonado viene accostato. Sull’altra figura importante della scena politica argentina ovvero l’ex-presidente Cristina Fernández de Kirchner, che ambisce a un seggio al senato, pende ancora la misteriosa morte del procuratore, Alberto Nisman, avvenuta nel gennaio del 2015, il quale l’aveva formalmente accusata di aver coperto il rapporto del governo argentino con l’Iran in merito all’attentato del 1994 nella comunità ebraica di Buenos Aires.

Rispondi