29 settembre – Rex Tillerson

Posted by

 

18DC-CUBAEMBASSY-master768
foto via Nytimes.com

«La decisione di ridurre la nostra presenza diplomatica a L’Avana è stata presa per garantire la sicurezza del nostro personale. Manteniamo i rapporti diplomatici con Cuba, e il nostro lavoro a Cuba continua ad essere guidato dalla sicurezza nazionale e dagli interessi in politica estera degli Stati Uniti. Cuba ci ha chiarito che continuerà a investigare su questi attacchi e noi continueremo a cooperare con loro in questo sforzo»

Rex Tillerson

 

Quest’oggi, Rex Tillerson, Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha annunciato che il numero dei funzionari americani dell’ambasciata dell’Avana sarà diminuito del 60%. La scelta è dovuta agli strani attacchi acustici che hanno colpito alcuni diplomatici nei mesi scorsi e viene resa nota tre giorni l’incontro tra Tillerson e il ministro degli esteri cubano, Bruno Eduardo Rodríguez Parrilla. Evidentemente, quegli non è stato convinto che L’Avana possa proteggere a sufficienza i membri dell’ambasciata.

Cuba, per voce di Josefina Vidal, ministra degli esteri incaricata dei rapporti con gli Stati Uniti, afferma che la decisione è «spiacevole e avrà ripercussioni sulle relazioni bilaterali». L’ambasciata americana dell’Avana ha riaperto solo dopo che nel 2015 Obama e Raúl Castro ripresero i rapporti diplomatici. Ora, questa scelta li raffredda, sebbene non sia così politicamente forte come quella ventilata la settimana scorsa della chiusura della stessa ambasciata. Sembra, comunque, andare nella direzione voluta da Trump, di modificare il trattato siglato da Obama con Cuba che lui giudica «pessimo e sbagliato».

Non si riesce a spiegare, invece, la natura degli attacchi. Nella dichiarazione di quest’oggi sono definiti come «attacchi mirati», rivolti a funzionari americani, mentre di solito erano derubricati come incidenti. Sono iniziati nel 2016 e hanno colpito almeno 16 persone, provocando diversi danni come perdita permanenente d’udito, lesioni cerebrali, stordimento ecc. Non si capisce chi possa essere il responsabile, se Cuba, qualche organizzazione o un terzo paese, ed il fatto che anche alcuni funzionari canadesi siano stati colpiti infittisce il mistero.

 

Rispondi