22 settembre – Kim Jong-un

Posted by
23nkorea-2-master675
foto via Theguardian.com

«Queste parole non sono i giochi retorici amati da Trump. Mi sto proprio chiedendo quale risposta potesse sperare di ricevere quando ha permesso che tali eccentriche parole gli uscissero di bocca. Qualsiasi cosa Trump si potesse aspettare, affronterà effetti oltre le sue previsioni. Io domerò sicuramente e definitivamente il vecchio pazzo delirante americano con il fuoco»

Kim Jong-un

Venerdì, Kim Jong-un, il dittatore della Corea del Nord, ha rivolto una dichiarazone pubblica al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Il messaggio, pubblicato sulle prime pagine di tutti i giornali nord-coreani e diffuso anche per televisione, è la risposta allintervento di Trump all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Due giorni fa, in occasione del suo primo discorso all’ONU, Trump aveva promesso di distruggere la Corea del Nord in caso di minaccia: «Nessuna nazione sulla terra vuole vedere questa banda di criminali che si munisce di armi e missili nucleari. Gli Stati Uniti possono sopportare molto e hanno pazienza, ma se sono costretti a difendere se stessi o i propri alleati, noi non avremo altra scelta che distruggere completamente la Corea del Nord».

Come scrivono sul New York Times, con il suo tono bellicoso e minaccioso Trump «ha servito su un piatto d’argento» a Kim Jong-un la possibilità di rispondere in termini ancora più aspri, e, soprattutto, di apparire come la parte aggredita. A leggere la risposta del presidente nord-coreano sembra che la questione sia personale: «vorrei avvertire Trump [sic] di prestare attenzione alle parole che usa e di tenere presente a chi si rivolge».

Kim Jong-un dice di essere stato sorpreso dai termini usati dal presidente americano, poiché si aspettava quelli soliti, «stereotipati e già pronti»; invece, il suo discorso è stato «un grezzo nonsenso senza precedenti». Il tenore delle parole di Trump, ha dichiarato Kim Jong-un, conferma gli epiteti assegnatigli durante la campagna elettorale, di «profano» ed «eretico» della politica. Inoltre, testimonierebbero che non è capace di tenere le redini di uno stato e che, piuttosto, è «una canaglia e un gangster che adora giocare con il fuoco». Secondo Kim, Trump ha pronuciato «la più feroce dichiarazione di guerra della storia» e, perciò «noi stiamo seriamente considerando di prendere una contromisura adeguata, la più alta contromisura della storia».

Poco dopo la pubblicazione del discorso di Kim, il ministro degli esteri nord-coreano, Ri Yong-ho, che si trova a New York, ha rilasciato alcune dichiarazioni, asserendo che la Corea del Nord potrebbe condurre «il più colossale test di una bomba all’idrogeno, nel Pacifico». La risposta di Trump è arrivata via Twitter: «Kim Jong-un della Corea del Nord, che è ovviamente un folle che non si peoccupa di far morire di fame e uccidere la sua gente, sarà messo alla prova come mai prima».

One comment

Rispondi