4 settembre – Nikki Haley

Posted by
nikki haley
foto via Thesun.co.uk

«Ai membri del Consiglio di sicurezza, devo dire: quando è troppo è troppo. Abbiamo mantenuto un approccio graduale e, nonostante le migliori intenzioni, non ha funzionato… Il provocatorio impiego di missili [da parte di Kim Jong-un] e le sue minacce nucleari dimostrano che sta cercando la guerra a tutti i costi. La guerra non è qualcosa che vogliono gli Stati Uniti, non la vogliamo ora. Ma la pazienza del nostro paese non è illimitata: difenderemo i nostri alleati e il nostro territorio»

Nikki Haley

Nel corso della riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza Nazioni Unite tenutasi oggi, Nikki Haley, ambasciatrice degli Stati Uniti all’Onu, ha pronunciato parole molto dure nei confronti del recente attivismo missilistico della Corea del Nord, e ha affermato che il dittatore nord-coreano Kim Jong-un «sta cercando la guerra a tutti i costi».

La riunione del Consiglio di sicurezza è stata richiesta da Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Giappone e Corea del Sud dopo che i nord-coreani, nella notte tra sabato e domenica, hanno fatto esplodere quella che è stata descritta come una bomba a idrogeno destinata a essere montata su missili balistici a lungo raggio.

Haley ha dichiarato che «il tempo delle misure è terminato», invitando le Nazioni Unite ad intensificare pesantemente la pressione sulla Corea del Nord con sanzioni ancora più dure che dovranno essere decise con una nuova risoluzione. «Solo le sanzioni più dure ci consentiranno di risolvere questo problema attraverso la diplomazia», ha affermato l’ambasciatrice.

Haley non ha specificato quali tipi di misure contro il regime di Kim Jong-un otterrebbero il sostegno di Washington, ma, spiega il Guardian, alcuni diplomatici hanno suggerito che un embargo del petrolio avrebbe effetti rovinosi sull’economia della Corea del Nord.

Rispondi