23 luglio – Anthony Scaramucci

Posted by
anthony-scaramucci-white-house-960x540
foto via Thenewdaily.com.au (Getty Images)

«Prenderò misure drammatiche per fermare queste fughe di notizie»

Anthony Scaramucci

Il nuovo responsabile delle comunicazioni della Casa Bianca, Anthony Scaramucci, ha detto che prenderà «misure drammatiche» per arginare le fughe di notizie che affliggono l’amministrazione Trump, definendo «anti-americani» i responsabili della diffusione di notizie riservate.

Anthony Scaramucci è un imprenditore e finanziere di New York, ed è stato un importante finanziatore della campagna elettorale di Donald Trump. Due giorni fa è stato nominato responsabile delle comunicazioni della Casa Bianca, incarico rimasto vacante dopo le dimissioni di Michael Dubke, avvenute lo scorso maggio. Domenica Scaramucci è intervenuto in una serie di programmi televisivi d’informazione, parlando tra le altre cose di come intenderà interpretare il suo nuovo ruolo.

«Domani avrò un incontro con lo staff [della Casa Bianca], e sarà una cosa molto binaria» ha detto al programma Face the Nation di CBS. «Non formulerò giudizi prematuri su alcun membro dello staff. Se vogliono rimanere nello staff, dovranno smettere di diffondere informazioni riservate […] Se continuerete a causare fughe di notizie, licenzierò tutti».

«[Trump] è il comandante in capo, il presidente degli Stati Uniti. Le persone che stanno accanto a lui e che stanno facendo queste cose senza senso sono in realtà degli anti-americani».

Durante un’intervista a Fox News Sunday, inoltre, Scaramucci ha annunciato: «Sono una persona d’affari, quindi prenderò misure drammatiche per fermare queste fughe di notizie». Scaramucci si stava riferendo in particolare ad un articolo pubblicato dal Washington Post, in cui venivano citate delle intercettazioni dei servizi d’intelligence per sostenere che l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Sergey Kislyak aveva riferito ai suoi superiori di avere discusso delle campagna di Trump con Jeff Sessions, procuratore generale statunitense, durante alcuni incontri nel 2016.

Rispondi