20 luglio – Nicolás Maduro

Posted by
maduro-donald-trump
foto via Panampost.com

«Il popolo venezuelano è andato a lavorare per la patria, continuiamo ad avanzare in pace e con allegria verso l’assemblea costituente del 30 luglio»

Nicolás Maduro

Si è tenuto oggi in Venezuela uno sciopero nazionale organizzato dalle opposizioni per protestare contro il progetto del presidente Nicolás Maduro di eleggere un’assemblea costituente per riscrivere la Costituzione del paese.

Il Guardian riporta che in molti quartieri di Caracas, la capitale del Venezuela, le strade erano bloccate da barricate di immondizia e pneumatici in fiamme e da cavi elettrici tirati da un lampione all’altro. «Si vedono solo strade vuote, e la maggior parte dei negozi è chiusa» ha detto Henrique Capriles, uno dei leader dell’opposizione.

caracas
Un uomo passa sotto dei nastri usati per bloccare un incrocio a Caracas, durante lo sciopero di giovedì 20 luglio (foto via Apnews.com – AP Photo/Ariana Cubillos) 

Il presidente Maduro ha invece affermato in televisione che lo sciopero è stato un insuccesso, e che centinaia tra le più grandi compagnie del Venezuela erano operanti «al 100%».

«Il popolo venezuelano è andato a lavorare per la patria, continuiamo ad avanzare in pace e con allegria verso l’Assemblea costituente del 30 luglio» ha poi scritto su Twitter.

La più grande federazione di gruppi commerciali del paese, Federcamaras, non ha dato un appoggio esplicito allo sciopero, ma i suoi membri hanno detto che i loro dipendenti non avrebbero subito ritorsioni se non si fossero presentati al lavoro.

Il presidente ha indetto un voto parlamentare il 30 luglio per eleggere un’assemblea costituente che sarà incaricata di riscrivere la Costituzione del paese. Le opposizioni e alcuni gruppi per la difesa dei diritti umani sostengono che la decisione di Maduro sia motivata dalla volontà di aggirare l’Assemblea nazionale, cioè il parlamento del Venezuela, che dal 2016 è controllato dalle opposizioni, al fine di rafforzare ulteriormente il potere del presidente e del partito socialista che lo appoggia.

Maduro sostiene invece che una nuova assemblea che riveda a fondo la Costituzione, sciogliendo alcune istituzioni dello Stato, sia l’unico modo per fare uscire il Venezuela dalla crisi economica in cui si trova e per promuovere il dialogo in un paese profondamente diviso e segnato da ricorrenti manifestazioni di violenza.

2 comments

Rispondi