8 maggio – Muhammadu Buhari

Posted by
nigerian_president_3568850a-large_trans_nvbqzqnjv4bqqvzuuqpflyliwib6ntmjwfsvwez_ven7c6bhu2jjnt8
foto via Thetelegraph.co.uk (Paul Grover)

“Mi mancano le parole per dire quanto sono felice che le nostre care ragazze siano tornate alla libertà […] Assicuriamo ai nigeriani, in particolare ai parenti e agli amici delle altre ragazze, che il Governo Federale farà di tutto per verificare se loro e tutti gli altri cittadini nigeriani che sono stati rapiti possano essere liberati in sicurezza”

Muhammadu Buhari

Il presidente della Nigeria, Muhammadu Buhari, ha annunciato quest’oggi la liberazione di 82 delle ragazze rapite poco più di tre anni fa dall’organizzazione terroristica Boko Haram.

Nella notte del 14 aprile 2014, a Chibok, nella Nigeria nordorientale, un istituto d’istruzione femminile fu preso d’assalto dal gruppo jihadista, che prese in ostaggio 276 studentesse. Alcune di esse (ventuno) erano già state rilasciate lo scorso ottobre, ma la liberazione avvenuta ieri è quella che riguarda il maggior numero di persone: essa è il risultato di uno scambio, mediato dal Comitato internazionale della Croce Rossa, tra le forze governative nigeriane e Boko Haram, di cui sono stati lasciati liberi alcuni comandanti. Si ritiene che ancora più di cento ragazze di Chibok siano nelle mani dei miliziani di Boko Haram.

Come riporta Bbc, i nomi delle 82 giovani sono stati pubblicati domenica su Twitter dall’ufficio del presidente Buhari. Tuttavia, dal momento che a Chibok nessuno dispone dei mezzi per usare i social network, le famiglie delle ragazze sono potute venire a conoscenza della loro liberazione solo oggi, leggendone dai quotidiani. Dopo avere incontrato il presidente Buhari, le ragazze sono state condotte in un luogo segreto nella città di Abuja, la capitale della Nigeria, e ancora non si sa quando potranno tornare dalle loro famiglie: le ventuno ragazze che sono state liberate lo scorso ottobre stanno ancora seguendo “un corso militare di reintegro”, e nessuna di esse, dopo quasi sette mesi dal rilascio, è potuta tornare a casa. Sembra che esse, informa Bbc, siano tenute nella casa di un politico locale, e che solo lì possano ricevere le visite dei propri famigliari.

La notizia dell’assalto all’istituto di Chibok destò scalpore e innescò la campagna di sensibilizzazione e mobilitazione internazionale #BringBackOurGirls. Quella campagna costituisce però un caso isolato: nel promemoria pubblicato in occasione del terzo anniversario di quell’attacco, Amnesty International informa che sono almeno 41 i rapimenti di massa compiuti da Boko Haram dall’inizio del 2014, rapimenti a cui ha fatto seguito uno scarsissimo interesse da parte dei media occidentali. Secondo lo stesso promemoria, il numero delle donne e dei bambini rapiti da Boko Haram negli ultimi tre anni è superiore a duemila.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...