29 aprile – papa Francesco

Posted by
140524-pope-journalists-mn-930_f5e68d3b6aae5f19592ae1eabf779f4a-nbcnews-fp-1200-800-1038x576
foto via Labuonaparola.it

“Questa faccenda dei missili in Corea [del Nord] è cresciuta per più di un anno ma ora sembra che la situazione sia diventata troppo calda. Stiamo parlando del futuro dell’umanità. […] Guardiamo ai tanti Paesi che soffrono una guerra al loro interno, in Medio Oriente ma anche in Africa e nello Yemen. Fermiamoci! E cerchiamo una soluzione diplomatica. Credo che le Nazioni Unite abbiamo il dovere di riprendere la loro leadership perché si è un po’ annacquata”

papa Francesco

Parlando alla stampa sul volo che lo riportava a Roma dopo il suo viaggio in Egitto, papa Francesco ha commentato alcuni temi importanti dell’attualità. A proposito delle tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti, il pontefice ha auspicato il raggiungimento di “una soluzione diplomatica”, che dovrebbe vedere come parte mediatrice le Nazioni Unite (“la loro leadership si è un po’ annacquata”), o uno stato terzo: “Ci sono così tanti facilitatori nel mondo, tanti mediatori che si offrono, come la Norvegia ad esempio. È sempre pronta ad aiutare. È solo un esempio ma ce ne sono molti”. Nei primi anni 90, la Norvegia aveva negoziato segretamente una mediazione tra Israele e Palestina, nota come gli “Accordi di Oslo”.

Francesco, che ieri ha avuto un colloquio col generale Abd al-Fattah al-Sisi, presidente dell’Egitto, ha parlato anche del caso di Giulio Regeni, il ricercatore italiano ucciso al Cairo un anno fa. “Sono preoccupato” ha detto il papa. “Dalla Santa Sede mi sono mosso su quel tema, perché anche i genitori lo hanno chiesto. La Santa Sede si è mossa. Non dirò come ma ci siamo mossi”.

Rispondendo alle domande dei giornalisti, il papa ha affrontato anche il tema delle elezioni presidenziali francesi e delle prospettive future che si schiudono all’Unione europea: “Ogni Paese è libero di fare le scelte che crede convenienti, io non posso giudicare se una scelta la si fa per un motivo o per un altro motivo, perché non conosco la politica interna… È vero comunque che l’Europa è in pericolo di sciogliersi. Dobbiamo meditare. C’è un problema che spaventa e forse alimenta questi fenomeni, ed è il problema dell’immigrazione. […] È un problema che si deve studiare bene, rispettando le opinioni”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...