30 marzo – David Davis

Posted by
2978
foto via Theguardian.com

“Un vasto numero di leggi – sia le attuali leggi interne sia quelle [europee] che abbiamo convertito in leggi del Regno Unito –  non funzioneranno a dovere se lasciamo l’Unione Europea senza ulteriori accorgimenti. Alcune leggi, per esempio, assegnano funzioni a istituzioni dell’EU con le quali il Regno Unito potrebbe non intrattenere più rapporti. Per risolvere ciò, il great repeal bill assegnerà il potere di correggere il corpus legislativo dove sarà necessario per risolvere i problemi che ci saranno come conseguenza della Brexit… Data l’entità dei cambiamenti che si dovranno prendere e il limitato tempo a disposizione per farlo, bisogna valutare il giusto equilibrio tra le procedure di controllo e correggere le leggi in tempo”

David Davis

Ieri, la premier inglese Theresa May ha consegnato a Donald Tusk, presidente del Consiglio Europeo, la lettera con cui attiva l’articolo 50 del Trattato di Lisbona, quello per la secessione di uno Stato membro dall’Unione Europea. Quest’oggi, David Davis, segretario di Stato per l’uscita dell’UK dall’Unione Europea, ha presentato il “great repeal bill”. Con il decreto “grande abrogazione” vengono assegnati nuovi poteri ai ministri, con lo scopo di rendere più veloci ed efficienti i gravosi aggiustamenti legislativi resi necessari dalla Brexit. Davis ha sottolineato che l’ampliamento dei poteri sarà temporaneo e limitato a questioni tecniche, e che il parlamento non sarà aggirato; inoltre, ha ricordato che il comitato costituzionale aveva indicato il compito del governo proprio nel soppesare la velocità nella rielaborazione delle leggi con lo scrupolosità del controllo parlamentare delle medesime.

Il “decreto grande abrogazione” ha destato preoccupazione, perché, come dice il laburista Keir Stramer, i poteri assegnati ai ministri saranno “radicali, nel senso che cambierà il loro livello di applicazione”. Dello stesso avviso è Frances O’Grady, segretaria generale del Trades Union Congress, che lamenta la mancanza di specifiche clausole per garantire il mantenimento e l’adeguamento dei diritti dei lavoratori inglesi ai livelli delle altre nazioni europee.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...