14 marzo – Recep Tayyip Erdoğan

Posted by
4bk2b722b2912e3h9a_800c450
foto via Parstoday.com

“Conosciamo i Paesi Bassi e gli Olandesi per il massacro di Srebrenica. In quell’occasione abbiamo conosciuto la loro natura e il loro carattere, quando hanno lasciato che 8.000 musulmani bosniaci venissero massacrati senza muovere un dito”

Recep Tayyip Erdoğan

Durante un discorso televisivo, il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdoğan ha attaccato duramente i Paesi Bassi accusandoli di essere responsabili del peggior genocidio avvenuto in Europa dalla seconda guerra mondiale. L’attacco di Erdoğan è giunto dopo che nei giorni scorsi il governo olandese aveva deciso, per motivi di ordine pubblico, di non autorizzare la partecipazione di due ministri della Turchia a dei comizi politici organizzati nei Paesi Bassi a sostegno della riforma costituzionale promossa dal partito di Erdoğan. Il presidente turco aveva allora definito “nazista” il governo olandese e ieri ha deciso di sospendere le relazioni diplomatiche della Turchia con i Paesi Bassi.

Il primo ministro olandese, Mark Rutte, ha commentato: “Il tono delle parole di Erdoğan sta diventando sempre più isterico, non solo contro i Paesi Bassi, ma anche contro la Germania. Non scenderemo allo stesso livello”. Ieri è intervenuto sull’argomento anche l’Alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri, Federica Mogherini, che ha chiesto al governo turco di trattenersi “da dichiarazioni eccessive e da azioni che potrebbero esacerbare ulteriormente la situazione”.

4 comments

  1. Purtroppo quello che dice Erdogan sul massacro di Srebrenica è vero.
    Però è vergognoso che lanci accuse adesso per i suoi interessi, quando il nazista è lui, che sta calpestando i diritti in Turchia

  2. Erdogan è come il bue che dava del cornuto all’asino: si guardasse in casa propria, con tutto quello che fatto contro la libertà di stampa, di insegnamento e delle donne!!!

  3. Costui somiglia a Tiziano crudeli, quello che ogni domenica strillazza nei rotocalchi del pallone, come se gli hanno graffiato la macchina nuova di pacca.
    Sarà una coincidenza, ma fa pensare.

Rispondi