6 marzo – Rex Tillerson

Posted by
US-ENERGY-OIL-EXXON-TILLERSON
foto via Lifegate.it

“Con questo provvedimento, il presidente Trump sta esercitando il suo legittimo potere di proteggere la nostra gente. Poiché le minacce alla nostra sicurezza continuano ad evolvere e a mutare, il buon senso impone di continuare a rivalutare e riconsiderare i sistemi su cui facciamo affidamento per difendere il nostro paese”

Rex Tillerson

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha firmato una versione rivista del cosiddetto muslim ban per reintrodurre il divieto di immigrazione da certi paesi a maggioranza musulmana.  Il nuovo ordine esecutivo, presentato alla stampa dal segretario di Stato Rex Tillerson, dal segretario della Sicurezza interna John F. Kelly e dal procuratore generale Jeff Sessions, annulla e sostituisce il precedente provvedimento sull’immigrazione che aveva provocato il caos in numerosi aeroporti americani ed era stato infine sospeso dai giudici federali in forza di alcuni rilievi di incostituzionalità.

 

Il nuovo documento, concepito dall’amministrazione Trump per affrontare le controversie legali con maggiore efficacia, impedisce per 90 giorni l’accesso agli Stati Uniti ai cittadini di sei paesi a maggioranza musulmana: Sudan, Iran, Libia, Yemen, Somalia e Sirian. L’Iraq, colpito dal bando nella versione precedente del provvedimento, è stato invece rimosso dalla black list. “L’Iraq è un alleato importante nella lotta per sconfiggere l’Isis”, ha spiegato Tillerson. I possessori di green card e di altre forme di permesso potranno entrare negli Stati Uniti, anche se cittadini dei sei paesi elencati. Inoltre, sono stati rimossi i riferimenti alle minoranze religiose, che nel provvedimento originale servivano sostanzialmente a conferire priorità di ingresso alle persone cristiane provenienti da paesi a prevalenza musulmana.

One comment

Rispondi