13 febbraio – Matteo Renzi

Posted by
renzi-direzione
fotogramma del video dell’intervento di Matteo Renzi, via Unita.tv

“Facciamo il congresso, non sarò il custode dei caminetti. Usiamo le regole dell’ultima volta, ma torniamo alla politica”

Matteo Renzi

Sì è tenuta oggi a Roma la riunione della direzione nazionale del Partito democratico. Il segretario Matteo Renzi ha riconosciuto che, in seguito alla bocciatura della riforma costituzionale al referendum dello scorso dicembre, “si chiude un ciclo alla guida del Pd”. Renzi non ha esplicitamente annunciato le proprie dimissioni, ma ha accettato di fare un congresso di partito che condurrà, in anticipo rispetto alla scadenza naturale del proprio mandato da segretario, all’elezione del suo successore.

Tra i relatori c’è stato anche Pierluigi Bersani, leader della minoranza del partito, che tra le altre cose ha bocciato l’ipotesi di elezioni politiche anticipate. “La prima cosa che dobbiamo dire all’Europa, ai mercati, al mondo, agli italiani è: quando si vota” ha detto l’ex segretario del Pd. “Noi governiamo, possiamo lasciare un punto interrogativo sulla vita di questo governo? Noi chiediamo la conclusione ordinaria della legislatura”.

“Che si voti a giugno, a settembre, a ottobre, a febbraio… è un tema che non riguarda l’essenza del Partito democratico. Bisogna smetterla con l’ansia autoreferenziale di pensare solo a quanto durerà la legislatura” ha replicato Renzi. Al termine della riunione, è stato votato un ordine del giorno (107 voti favorevoli e 12 contrari) che approva la relazione del segretario e impegna il Pd a convocare il prima possibile l’assemblea nazionale per decidere i tempi del congresso.

 

One comment

Rispondi